Spettacolo "Come Cristo comanda" - Teatro 7 - 28 Febbraio 2018

di Michele La Ginestra

regia: Roberto Marafante

 Anno 33 d. c., Palestina.  È notte: due uomini, vestiti con tuniche e mantelli, sono seduti in una sorta di bivacco in mezzo al deserto. Parlano sommessamente per non essere scoperti, con la paura di essere stati seguiti da qualcuno; si capisce che sono in fuga. Dai dialoghi pian piano si intuisce che sono due soldati romani, ma non due qualsiasi: uno, Cassio, è il centurione alla guida dei legionari al momento della crocifissione di Gesù sul Golgota; l’altro è Stefano, un suo soldato, quello che diede da bere a Cristo acqua e aceto. L’evento che sconvolgerà l’umanità ha stravolto, inconsapevolmente, anche le loro vite; i due non potranno fare a meno di confrontarsi, animatamente, alla ricerca di alcune risposte…

 

 Vi aspettiamo il 28 Febbraio 2018 alle ore 21 presso 

Teatro 7- Via Benevento 23 Roma

Per acquistare i biglietti:

Nel 1990 l’Organizzazione Mondiale della Sanità, dopo circa un ventennio dall’inizio del movimento delle Cure Palliative, elaborò una definizione che le indicava come cure integrali e attive ovvero cure adatte per tutte le malattie croniche ed evolutive, non solo, quindi, oncologiche in stato avanzato, ma anche per tutte le malattie neurologiche, respiratorie, cardiologiche.

Nonostante questo in Italia, quando si dice palliativo si pensa ancora a qualcosa di inutile.

Le Cure Palliative non sono sinonimo di inutile: palliativo deriva dal latino “pallium” che vuol dire mantello, che semplicemente serve a proteggere il paziente e la sua famiglia durante la malattia.


Questa è la realtà, ciò che è. Questo per Antea non è sufficiente: noi vogliamo di più. Vogliamo aiutare a divulgare le Cure Palliative e vogliamo pensare di renderne migliore l’applicazione. Questo perché il nostro operato, che sarebbe riduttivo definire lavoro, si basa su brevi e basilari principi:

•L’accesso alle Cure Palliative è un diritto umano inviolabile che deve essere garantito ovunque si trovi la persona malata ed a prescindere dalla sua condizione sociale ed economica;

•La sofferenza e l’abbandono non devono cancellare la dignità della persona;

•I pazienti in fase avanzata di malattia sono persone con qualcosa di unico da condividere.

Venticinque anni fa abbiamo scelto di prendere un impegno, abbiamo scelto di non girare la faccia di fronte a quello che era un problema e, anche se in modo diverso, lo è ancora. Abbiamo scelto di donare tutto il nostro tempo a chi di tempo non ne ha più. Abbiamo scelto di farlo al meglio per offrire qualità a chi si sentiva abbandonato. E, ultimo ma non ultimo, abbiamo scelto di farlo sorridendo perché se le Cure Palliative vanno intese come approccio olistico e non pura e semplice terapia farmacologica, questo è quel qualcosa in più che Antea ha deciso di dare.


Antea è, è stata e speriamo sarà una storia ancora da scrivere…


Cos'è Antea per... Claudia

Newsletter

Contattaci

Area Formazione

Translate

Contatti

email.png

Antea Associazione ONLUS P.zza Santa Maria della Pietà, 5 Padiglione XXII 00135 Roma

telefono: +39 06303321 fax: +39 0630332555 

CLICCA QUI PER CONTATTARCI

Sul sito Antea vengono utilizzati i cookie per una migliore navigazione. Accetta per continuare la navigazione. Informazioni